copyright 2006 by marrero.it


- Sax Four Fun


SAX FOUR FUN

Il gruppo "Sax Four Fun" è un quartetto di sassofoni votato all'esplorazione delle mille potenzialità dello strumento, con un obiettivo principale: divertirsi e divertire il pubblico, spaziando dal jazz più nero al blues, alla salsa ed alle "tangenzialità" etniche tipiche della "world music". Una varietà di stili che i musicisti sanno affrontare con disinvoltura e personalità, forti di un affiatamento costruito in un decennio di attività sotto le insegne dei Sax Four Fun. Con il nuovo progetto assieme a Javier Girotto, i Sax Four Fun completano un percorso che ha portato il suono del quartetto a confrontarsi con varie personalità artistiche come Paolo Fresu, Mario Brunello, Maria Pia De Vito, Mauro Negri, Fabrizio Bosso, arricchendo ogni volta di nuove "sonorità" e stimoli artistici l'anima del gruppo. I "Sax Four Fun" hanno prodotto diversi CD. Inoltre il gruppo ha registrato concerti per Radio RAI e le emittenti televisive RAI 3 e RAI 1.

La formazione propone vari programmi/concerti:

PANGEA - Dalle Dolomiti alle Ande
Il progetto, nato in occasione del Festival "I Suoni delle Dolomiti", intende prendere in considerazione le analogie musicali di due zone geograficamente così lontane e, allo stesso tempo, così affini. Non è difficile, infatti, individuare tra le due aree una “comunanza” di valori naturali, umani, storici e soprattutto musicali. “Giocando” con le melodie popolari, storie di vita quotidiana, il gruppo ha “camminato” in equilibrio sulle funi invisibili della tradizione che lega in maniera indissolubile i continenti, ripercorrendo gli scambi di tradizioni e di esperienze che sono stati altresì esportati dalle nostre storie di emigrazione. Il programma comprende alcuni fra i brani più significativi del patrimonio musicale trentino come “La pastora”, “Quel mazzolin di fiori”, “La Montanara”, una Ninna Nanna della Vallagarina e brani della tradizione popolare argentina, arrangiati dai componenti del gruppo.
JAVIER GIROTTO - quenas, sax baritono e soprano STEFANO MENATO - sax soprano e alto
HANS TUTZER - sax alto
FIORENZO ZENI - sax tenore
GIORGIO BEBERI - sax baritono

ETHNOS – Woodstone & Reeds”
"Ethnos" è nato dall'incontro del gruppo Sax Four Fun con i Woodstone (letteralmente il suono del legno) fondato dal percussionista Max Castlunger.
Attraverso una scelta di brani originali di Fiorenzo Zeni, alcuni standard e brani composti in "work progress" scaturiti dalle sonorità ispirate dai numerosissimi strumenti suonati da Max Castlunger, si crea un ponte che, da una parte avvicina mondi musicali così lontani in senso temporale ed anche storico, ma nello stesso tempo permette di dare al sound una inedita chiave di lettura e visione musicale. Il progetto nato e ispirato dalle sperimentazione del dello storico "World Saxophone Quartet" con un gruppo di percussionisti africani, hai poi preso vita propria involandosi ed aprendosi anche alle sonorità caraibiche e latino americane.
Max Castlunger e il batterista Jack Alemanno in questo concerto usano un set di percussioni molto particolare, che comprende strumenti antichi come il balafon africano e di nuova invenzione come lo Space-Drum, lo Steel Drum caraibico, un set di tamburi autocostruiti chiamati "Tamburo delle Alpi o TAPI” e un set di batteria modificato interamente in legno.
Il connubio tra percussioni e fiati é una fratellanza che risale agli inizi della storia della musica, quando i primati battevano i tronchi e le pietre per accompagnare la voce e i flauti in osso.
STEFANO MENATO Sax soprano e alto
HANS TUTZER Sax alto
FIORENZO ZENI Sax tenore
GIORGIO BEBERI Sax baritono
MAX CASTLUNGER Balafon, Steel Pan, Percussion
JACK ALEMANNO Wooden Drums

MUSIC ACTION PAINTING
Ascoltando Immagini in Paesaggi Sonori “vedere la musica e ascoltare l’immagine”.
La performance pittorico/musicale di Gabriele Amadori e il mondo della sperimentazione dei suoni della musica Jazz, si ricollega storicamente all'esperienza del Teatro Totale o della Interdisciplinarietà, dove il movimento del Gesto, del Suono e del Colore all’interno dello Spazio contribuiscono unitariamente alla produzione di un Evento, in cui la complementarietà di discipline diverse trova percorsi e risultati comuni. L'attività creatrice del tempo deriva dal suo farsi sonoro e dalla sua rappresentazione gestuale, che trasforma il tempo puro in "durata vissuta", cioè in disegno che prefigura il moto all'interno dello spazio; dove per "durata vissuta" si può intendere una continuità indivisibile e indistruttibile della rappresentazione, in cui il passato prossimo entra nel presente e forma con esso un tutto indiviso. La costruzione musicale che viene a crearsi è ottenuta da una stratificazione progressiva delle sonorità e delle melodie che interagiscono con il gesto pittorico, con colori e timbri che, oltre a costruire progressivamente l'aspetto più strettamente musicale, così come traggono spunti ed energie dall' immagine che si sta formando e trasformando : un continuo scambio reciproco porta all’opera pittorica finale.
GABRIELE AMADORI - pittore
STEFANO MENATO - sax soprano e alto
HANS TUTZER - sax alto
FIORENZO ZENI - sax tenore
GIORGIO BEBERI - sax baritono

L’INVENTORE DEI SUONI
La vita avventurosa del Signor Sax (e dei suoi strumenti). Questa è la storia di Adolphe Sax, la storia di un grande costruttore di strumenti musicali, ricercatore, scienziato, musicista, compositore; soprattutto è la storia di un uomo curioso e appassionato capace di realizzare i suoi sogni vincendo difficoltà e pericoli. Ed è anche la storia del suo strumento più famoso, il saxofono, uno strumento che in poco tempo si è diffuso in tutto il mondo, dalle bande militari francesi alle strade di New Orleans, da fumosi locali notturni alle grandi orchestre, celebrando ovunque, con l’inconfondibile voce, il nome del suo inventore. La vita avventurosa del signor Sax e dei suoi strumenti, una vita piena di colpi di scena e, ovviamente, di musica, viene rivissuta nel bel mezzo di una battaglia tra bande musicali, attraverso le voci di un narratore e degli immancabili saxofoni. Narrazione per voce e saxofoni Testo, drammaturgia e regia: Giacomo Anderle
STEFANO MENATO - sax soprano e alto
HANS TUTZER - sax alto
FIORENZO ZENI - sax tenore
GIORGIO BEBERI - sax baritono
CLAUDIO ISCHIA - percussioni/batteria
GIACOMO ANDERLE - voce recitante

I GIGANTI
E' un progetto nato in occasione di un concerto registrato dal vivo per Radio RAI3. I Sax Four Fun prendono spunto da alcune composizioni dei più significativi interpreti e compositori jazz del secondo '900, creando un “viaggio musicale” attraverso le musiche di Sonny Rollins, Dizzy Gillespie, Charlie Parker, Miles Davis, Thelonius Monk, Charlie Mingus, Bud Powel, Herbie Hancock. Nasce così un omaggio, che è anche uno stimolo, attraverso gli arrangiamenti originali del gruppo, verso questa musica sempre in “movimento”, dando nuova linfa ed interesse sia per gli esecutori che per il pubblico.
GIOVANNI FALZONE - tromba
STEFANO MENATO - sax soprano e alto
HANS TUTZER - sax alto
FIORENZO ZENI - sax tenore
GIORGIO BEBERI - sax baritono



Discografia:
“Sax Four Fun” - 1998 Splasc(h) Records
“Guarda avanti” - 1999 Velut Luna
“Caro Nanni” - 2002 Velut Luna
"Pangea" con Javier Girotto - 2010 Caligola Records


 

sax 4 fun
foto di Marco Trabalza

sax 4 fun
foto di Raoul Iacometti

sax 4 fun

sax 4 fun
foto di Tiziana Zoncada

torna alla sezione musica